consigli per ritratti street photography

Street photography: come fotografare gli sconosciuti

7 esercizi per scattare foto ritratti ai passanti senza imbarazzo

Avvicinare sconosciuti passanti per scattare una foto mi ha sempre dato problemi. Come interpellarli? Capiranno le mie intenzioni? Che voglio un foto ritratto perché trovo abbiano personalità e un viso interessante? E se reagissero male?
Ho sempre avuto così paura che alla fine non ho mai provato.

In uno dei video sul canale YouTube di fotografia di Ed ho trovato ispirazione e consigli pratici. Parla con le persone e spiegati, imposta la messa a fuoco e aspetta con pazienza il momento giusto per scattare. Qualche volta fai finta di niente: non si sono accorti che stai fotografando proprio loro. E come regola generale, non fare la stronza. Sii gentile ed amichevole e loro lo saranno con te.

Al primo giorno libero acchiappo la macchina fotografica (che comunque è stata a riposare troppo a lungo)! Se verrete fermati per strada da una tipa alta, con gli occhiali da sole e un po’ impacciata fatele un sorriso d’incoraggiamento: sta solo sperimentando la street photography.

Le 10 regole d’oro della lomografia

lomografica diana mini consigli per l'uso

Lunghi minuti d’impaccio iniziale. È questo quello che capita quando provate a inserire un rullino in una lomografica dopo anni di fotografia digitale. Pannelli aperti, leve girate e rigirate, e un paio di video tutorial più tardi era tutto pronto: non restava altro che scattare.

Ho impiegato quasi sei mesi a finire quel rullino. Gli amici che mi hanno dato la lomo come regalo di compleanno mi incitavano, e io, per tutta risposta, me la dimenticavo a casa.
Ora, piccola e super leggera com’è, staziona in pianta stabile nella mia borsa. Così ho finalmente fatto sviluppare quel primo sudatissimo rullino.

Scatti fuori fuoco, sottoesposizioni e involontarie sovrapposizioni d’immagine a parte, sono riuscita a portare a casa qualcosa di una bellezza impacciata e genuina. Quella piccola macchina che sembra quasi un giocattolo riserva davvero delle sorprese!

Del resto le lomografiche sono nate proprio così, come macchine fotografiche a basso costo, in seguito apprezzate dagli artisti per la forte saturazione dell’immagine garantita dall’obiettivo luminoso.

galleria di foto scattate con lomo

 
C’è una comunità molto attiva dietro questo tipo di fotografia analogica. Spinta dal mio regalo di compleanno, ne ho esplorato appena la superficie, fino a trovare le 10 regole d’oro della lomografia.
Sono quasi un manifesto di vita e intendo farle mie dalla prima all’ultima!

  • Porta la tua lomo ovunque vai
  • Usala in ogni momento, di giorno e di notte
  • La lomografia non interferisce con la tua vita ma ne è parte integrante
  • Scatta senza guardare nel mirino
  • Avvicinati più che puoi al tuo soggetto
  • Non pensare
  • Sii veloce
  • Non preoccuparti in anticipo di quello che imprimerai su pellicola
  • Non preoccupartene neppure dopo
  • Ignora ogni regola

It’s time to discover your own version of Lomography and to take photos which express who you are, not who you are told to be. […] Believe in yourself, focus on the important and not so important things, enjoy life in all its variations, forget about the camera in your hand and shoot ’til your eyes are glowing!

Per la perfezione, ci sarà sempre il prossimo rullino! 😉

La Liguria in treno: Camogli

Viaggio improvvisato e fotografie di Camogli

cartina Liguria con indicata la posizione di Camogli

 
Talvolta i pensieri negativi prendono il sopravvento e allora l’unica cosa da fare per combattere il senso di claustrofobia è uscire.

Per andare dove?

Ho la fortuna di abitare a poche fermate di treno dai luoghi più pittoreschi della Liguria e spesso me ne dimentico.
Questa volta ho optato per Camogli, tipico borgo marinaro affacciato sul Golfo Paradiso (il nome non è stato dato a caso).

Per tutta la mattina (se mi seguite su Instagram già lo sapete) ho scattato con il mio nuovo obiettivo, un luminosissimo 50 mm. Devo impratichirmi ma dove è venuta meno la tecnica, ha rimediato il paesaggio! 😉

 
 
 
 
 
 

 
Aspetto i tuoi consigli di viaggio. Qual è la meta delle tue gite fuori porta improvvisate?

Instameet a Genova

Instameet a Genova

Provata una reflex professionale è difficile tornare indietro.

Ieri all’instameet degli Igers di Genova abbiamo avuto la possibilità di girare un paio d’ore per la città con vari modelli di Canon. Io ho optato per una 7D con obiettivo 24–105, versatile e ideale per gli spazi stretti dei caruggi.

Voglio mostrarti alcuni degli scatti di ieri, non perché siano particolarmente originali né perché raccontino storie memorabili. Li condivido per ricordare a me stessa di sperimentare, fare attenzione ai dettagli e uscire più spesso con la macchina fotografica al collo.

vista dall'alto su Genova e sulla Lanterna

Per scoprire scorci insoliti, eventi, tradizioni e angoli nascosti di Genova segui @genovamorethanthis su Instagram.

Foto stock gratis: dove trovarle

Il web parla per immagini. Se hai un blog o un sito dovresti tenerne conto curando la qualità dei contenuti visivi con la stessa attenzione che riservi ai testi.
L’ideale sarebbe usare fotografie di tua proprietà, scattate da te o da un professionista, ma non sempre si riesce ad avere lo scatto giusto quando serve. In questi casi ricorro a servizi online che offrono immagini gratuite, utilizzabili senza timore di violare il copyright perché pensate proprio per venire incontro alle quotidiane necessità di blogger, web master, grafici e affini.

Ti lascio qualche link che ti potrà tornare utile nei momenti di crisi…  😉
Ti vengono in mente altre risorse analoghe? Allunghiamo la lista!
1 Hour Photo app

1-Hour Photo, la fotografia digitale come quella analogica

Di recente ho letto un paio di post (questo e questo) sull’importanza che ancora oggi ha la pellicola in fotografia.

Scattare in analogico, oltre ad essere utile per imparare a ragionare sull’inquadratura e la luce, è molto divertente! L’ho scoperto quando mi hanno regalato una lomografica. Andare a ritirare dal fotografo gli scatti sviluppati è la parte migliore: i risultati sono imprevedibili!
C’è un’app per iOS, 1-Hour Photo, che applica il piacere dell’attesa alla fotografia digitale. Scattata la foto bisogna attendere un’ora prima di poterla vedere, rigorosamente in bianco e nero. Ti arriva una notifica quando la foto è pronta, ed è un po’ come portare a sviluppare il rullino dal fotografo.
Non particolarmente utile, ma divertente!

SalvaSalva