Star Wars, genesi di un fan

Non so cosa faccia nei weekend la gente normale, ma quelli come me alle volte passano un paio d’ore a guardarsi un documentario sulla realizzazione di Star Wars (trilogia originale).

Ho provato affetto e nostalgia nel vedere i video di backstage dal set di Tatooine, con Alec Guinness imperturbabile sotto il cocente sole africano e la troupe impegnata a montare R2-D2.

Star Wars – Una nuova speranza è il primo film che io abbia mai visto, o almeno è il primo di cui ho memoria. Era registrato su un vecchio VHS, Lucas non ci aveva ancora rimesso mano e Han sparava senza dubbio per primo.



Non ho mai avuto modo di vivere l’esperienza della trilogia originale sul grande schermo e anche se nel mondo è diventato da subito fenomeno di culto, io l’ho sempre vissuto in modo molto personale.

Pochi compagni di classe avevano visto il film, forse uno o due, e internet mi era ancora zona preclusa.
Allora sono diventata fan di Guerre Stellari a modo mio.
Quante avventure a bordo del Millennium Falcon!
Niente romanzi, fumetti o merchandising e niente universo espanso: dove i film si interrompevano, subentrava la mia fantasia.
Star Wars ha segnato la mia infanzia (direi la vita, ma non vorrei sembrare troppo melodrammatica) e insieme alla mia quella di milioni di persone.
Come può un film dalla trama così semplice essere tanto importante?

star wars foto dal set


Credo che la chiave del successo di Star Wars sia proprio quella storia così semplice.
Certo, ci sono effetti speciali che hanno rivoluzionato il modo di fare cinema, ma non è grazie a quelli che il film riesce ad entrare nel cuore degli spettatori generazione dopo generazione. Il merito è della storia.
C’è un giovane messo alla prova, un anziano mentore e il compagno d’avventure spalla dell’eroe. C’è pure una principessa da salvare, peperina e sarcastica come nessun’altra.
Guerre Stellari è costruito su archetipi narrativi. Il viaggio dell’eroe, la lotta tra Bene e Male… sono tutte cose che si trovano nelle fiabe.
Secondo Gianni Rodari

la fiaba è il luogo di tutte le ipotesi: essa ci può dare delle chiavi per entrare nella realtà per strade nuove, può aiutare il bambino a conoscere il mondo.


Star Wars sarà pur ambientato in un universo polveroso e arrugginito lontano anni luce, ma parla di noi, delle difficoltà da affrontare per trovare la nostra strada e delle avventure che ci attendono.
Con in più le spade laser a rendere tutto migliore!

star wars behind the scene

Questa è la mia storia di fan di Star Wars. Qual è la tua?

SalvaSalva

SalvaSalva

Sognatrice a tempo pieno, blogger part-time, geek nel tempo libero e cantante sotto la doccia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *